top of page

Nanã

Giorno: Sabato

Data: 26 Giugno

Metallo: Ottone

Colori: Bianco e Blu; Nero o Viola

Elementi: Acque calme e fangose

Pietre:  Ametista

Domini: Vita e morte, salute e maternità

 


Origine e storia

 

Nanà è la Dea di misteri, una divinità che è nata contemporaneamente alla creazione del mondo: la palude fango si formò quando le acque ferme sono state separate, attraverso il contatto con la terra. Essa sintetizza la morte, la fertilità e la ricchezza in se stessa. Il suo nome indica gli anziani e persone rispettabili e per alcune significa "madre". Essendo la più antica divinità dell'acqua, rappresenta la memoria antica della nostra gente: lei è l'antica madre per eccellenza. É la più antica delle Dee del Candomblé ed è rispettata come una madre di tutti gli altri Orixás. Nanà è il principio, il centro e il fine: la nascita, la vita e la morte. Lei è l'origine e la potenza.

 

Caratteristiche dei figli di Nanà

 

I suoi figli sono persone molto tranquille. Essi agiscono con la benevolenza, dignità e gentilezza. Gli piacciono i bambini e li sollevano con grande dolcezza, proprio come le nonne viziano i loro nipoti. Si comportano e sembrano più vecchio di quanto non lo siano realmente. Possono verificarsi problemi con l'età o la tendenza a vivere nel passato, vivere di ricordi e di altre patologie tipiche delle persone anziane. Possono essere testardi, tenere rancore o posticipare una decisione. Tuttavia, agiscono in modo sicuro. Loro reazioni equilibrate e decisioni rilevanti le tengono sulla via della saggezza e della giustizia. Sono buoni, generosi, determinati e bella gente ma soprattutto onesti, un comportamento degno di una Dea.

bottom of page